Tortu è argento mondiale

80

Che peccato non vederlo a Rio de Janeiro con i migliori. Siamo sicuri, non avrebbe sfigurato. Ma c’è tempo, e come se c’è tempo. Perché Filippo Tortu, di anni ne ha appena 18 e nel 2020, a Tokyo, saranno solamente 22 e siamo altrettanto sicuri che un posto, nei 100 metri lo troverà. Perché il “super sayan” di Costa Lambro ha già scritto capitoli di storia dell’atletica leggera italiana e l’ha fatto correndo così veloce che non ci sarebbe nemmeno il tempo per scriverne uno. Il capolavoro è arrivato questa sera a Bydgoszc, in Polonia, dove sono in corso i Campionati Mondiali Under 20. Tortu, dopo aver superato agilmente batterie e semifinali era atteso nella finalissima in programma sulla pista polacca e dallo sparo al traguardo, in quei 10 secondi e poco più, il giovane sardo di Carate Brianza ha tenuto tutti col fiato sospeso, poi la gioia per un argento voluto, cercato e conquistato, anche se, a detta sua “sperava di sentire l’inno”.

Un altro brianzolo oggi, in pista nei mondiali Under 20, il giussanese Vladimir Aceti che ha centrato l’accesso nelle semifinali dei 400 metri con un buon 47.62.

Foto COLOMBO/FIDAL

Commenti

comments

- Pubblicità -