A Filippo Tortu il “Premio Candido Cannavò”

15

Il 2017 di Filippo Tortu si è impreziosito di un altro alloro. Il giovane sprinter di Carate Brianza, campione europeo e argento mondiale U 20 dei 100 metri, è stato, infatti, insignito del prestigioso “Premio Candido Cannavò”in memoria dello storico e indimenticabile direttore della “rosea” scomparso nel 2009.

Il riconoscimento è stato consegnato a Milano nel corso di una speciale cerimonia presso la sede de La Gazzetta dello Sport a cui sono intervenuti la moglie Franca e il figlio Alessandro.

A fare gli onori di casa l’attuale direttore Andrea Monti, affiancato da Franco Arturi in rappresentanza della Fondazione Cannavò e Franco Angelotti presidente di Bracco Atletica che promuove l’iniziativa. “Sono onorato e lusingato – il commento di Tortu, al primo anno in economia alla Luiss di Roma – ho conosciuto la famiglia Cannavò e credo di aver intuito i valori che il direttore portava avanti. Sono gli stessi per i quali io, seguendo le orme di mio padre e di mio nonno, a loro volta velocisti, ho cominciato a fare atletica e più in generale sport. Spero che il premio sia soprattutto un trampolino di lancio verso quei risultati importanti ai quali ambisco”.

Tortu si lascia alle spalle una stagione iniziata con il record italiano junior dei 60 metri indoor (6.64) per poi impadronirsi anche del primato di categoria dei 100 metri migliorato fino a 10.15. A giugno in occasione del Golden Gala Pietro Mennea è tornato in azione sui 200 metri dove è stato capace di un entusiasmante 20.34, quarto italiano di sempre a livello assoluto. Quella stessa sera un piede messo male sui gradini di Piazza di Spagna ha rischiato di mettere a repentaglio la sua estate agonistica, ma con il supporto del papà-coach Salvino e della struttura federale è riuscito a rientrare in pista a tempo di record.

Agli Europei U20 di Grosseto ha ricoperto anche il ruolo di capitano dell’Italia conquistando l’oro nei 100 metri e l’argento con il primato nazionale junior nella staffetta 4×100. Ad agosto l’esperienza del suo primo Mondiale assoluto a Londra dove ha raggiunto la semifinale dei 200 metri.

Franco Cantù

Commenti

comments

- Pubblicità -