Seregno out ai rigori. Ma l’inizio fa ben sperare

172

Chi ben comincia… Un buon Seregno, aldilà del risultato finale che, dopo un primo tempo giocato alla pari è uscito alla distanza, dimostrando una buona condizione fisica alla vigilia del campionato. Il Mantova è stato bravo a chiudersi in difesa e ad aspettare i rigori, poi la fortuna e la bravura dei virgiliani ha consentito ai biancorossi di passare al Ferruccio dopo 10 rigori tirati.

LA CRONACA: Poche le emozioni nella prima frazione di gara con il Mantova molto più aggressivo e un Seregno che prova a giocare di rimessa. Gli ospiti si rendono pericolosi da fuori in un paio di occasioni con Speziale e Ventola, ma Bardaro è attento e non concede la marcatura che, però, arriva al 32’ con una azione ben gestita sulla sinistra. Cross di Ricci che trova Felici solo in mezzo all’area. Per l’attaccante mantovano è troppo semplice insaccare di piatto. Il Seregno non trova immediatamente la reazione, ma in pieno recupero il cross dalla sinistra di Pribetti arriva sulla testa di Torraca. Bravo Lombardo a respingere, ma sfortunato trovando i piedi di Ricci che regala il pari agli azzurri di Andreoletti.

L’errore decisivo di Ronchi dal dischetto

Subito pericoloso il Seregno nella ripresa sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Pribetti trova Ondei a due passi da Lombardo, ma il centrale difensivo colpisce di ginocchio e manda a lato. La legge del calcio è chiara e sul rovesciamento di fronte sono i mantovani a passare in vantaggio con Speziale che trova la testa di Baldinini. La difesa brianzola non contrasta il centrocampista che trova l’angolo alla destra di Bardaro. Reazione immediata del Seregno che trova il pareggio con Calmi, bravo ad infilare Lombardo con un bolide sotto la traversa dopo una colossale dormita difensiva dei mantovani che si fanno sorprendere sa una rimessa laterale da metà campo. Il Mantova si chiude nella propria trequarti, mentre il Seregno prova a far gioco dimostrando una condizione nettamente superiore a quella dei virgiliani. È Gritti allo scadere a provare a rompere gli equilibri con una punizione dal limite che, però, si spegne a pochi centimetri dall’incrocio.

LA CHIAVE: Qualche amnesia difensiva di troppo che ha consentito al Mantova di trovare il doppio vantaggio, ma è un Seregno coriaceo che, ha voglia di fare e di “sbucciarsi le ginocchia”. Buono l’apporto degli “under” azzurri che hanno dimostrato di poter far bene nella “prima” ufficiale.

SEREGNO – MANTOVA 9 – 10 (2 – 2 dopo tempi regolamentari)

MARCATORI: 32’ p.t. Felici (M), 46’ p.t. Ricci (aut.), 8’ s.t. Baldinini (M), 12’ s.t. Calmi (S)

SEQUENZA RIGORI: Gritti (S) Gol; Ventola (M) Gol; Torraca (S) Gol; Speziale (M) Gol; Ondei (S) Gol; Baldinini (M) Parato; Capelli (S) Parato; Ricci (M) Gol; Piantoni (S) Gol; Moi (M) Gol; Caon (S) Gol; Riccò (M) Gol; Romeo (S) Gol; Rigon (M) Gol; Pribetti (S) Gol; Ferraro (M) Gol; Ferrario (S) Parato; Conti (M) Parato; Ronchi (S) Parato; Saccavino (M) Gol.     

SEREGNO (4-3-1-2): Bardaro; Ronchi, Ondei, Gritti, Pribetti; Caon, Rossi (18’ s.t. Capelli), Romeo; Iori (26’ s.t. Piantoni); Torraca, Calmi (36’ s.t. Ferrario). A Disposizione: Redaelli, Acquistapace, Buccini, Borlina, Cannizzaro, Castella, Ferrario. All. Andreoletti

MANTOVA (4-3-3): Lombardo; Omohonria (22’ s.t. Riccò), Conti, Ferraro, Ricci; Saccavino, Baldinini, Franchini (18’ s.t. Rigon); Felici (5’ s.t. Moi), Speziale, Ventola. A Disposizione: Sternieri, Riccò, Frullini, Crisci, Santoni. All. Cioffi

ARBITRO: Bodini di Verona. Assistenti De Nardi, Ongarato.

AMMONITI: Franchini (M), Saccavino (M), Omohonria (M), Baldinini (M), Capelli (S), Romeo (S)

Commenti

comments

- Pubblicità -