Folgore senza fronzoli. 2 a 0 e la prima è in archivio

Vingiano e l’autogol di Dejori regalano alla Folgore Caratese la prima vittoria.

102

Per lo stile ci penseranno più avanti. Per ora è una Folgore cinica che non gioca bene, ma che trova la prima vittoria in campionato. Dopo un’ora di sofferenza la sblocca Vingiano da “rapace”, mentre in pieno recupero la chiude Corioni, provocando l’autorete di Dejori. “L’importante di queste partite è la vittoria. – Sentenzia mister Siciliano – Loro sono stati bravi a chiudere gli spazi e non era semplice riuscire a far gioco. Inoltre ci mancavano degli interpreti importanti per il modulo che voglio usare e ho dovuto sacrificare Moretti sulla trequarti”.

LA CRONACA: Poche, anzi pochissime le emozioni nella prima metà di gara con una Folgore Caratese che cerca spesso la verticalizzazione, ma con poca precisione. L’Arconatese prova a fare la partita, ma sono i brianzoli a prendere in mano il pallino del gioco dopo i primi minuti. Moretti è tra i più attivi, ma non trova il giusto supporto in Castellani e Carbonaro che, nei primi 45 minuti, non impegnano nemmeno una volta Savini.

Subito pericolosa l’Arconatese in avvio di ripresa con Doria che impegna seriamente Rainero con un colpo di testa ravvicinato. La Folgore prova ad alzare il baricentro, ma i milanesi si coprono bene e per i ragazzi di Siciliano è difficile trovare spazio, ma al 35 è Viggiano a sbloccare dopo una azione sviluppata sulla sinistra con De Santis e Carbonaro. Il tiro cross dell’attaccante in maglia granata trova Vingiano sul secondo palo che insacca sotto la traversa. Subito dopo è Corioni dalla distanza a provare, ma Savini si supera e mette in fallo laterale, volando sulla sua destra. La reazione dell’Arconatese è troppo debole per impensierire i brianzoli che portano a casa i primi 3 punti arrotondando al quinto di recupero grazie all’azione sulla destra firmata Moretti – Corioni con il primo che tiene la palla sulla bandierina servendo Corioni. Il cross del classe 1999 trova la deviazione di Dejori che beffa il proprio portiere e chiude il match.

LA CHIAVE: La Folgore è un cantiere aperto, ma alla prima di campionato va bene così. Troppi gli spazi tra centrocampo e attacco con Moretti l’unico a cercare di far la differenza. Carbonaro e Castellani faticano ad entrare nel gioco, ma anche con un po’ di fortuna arrivano i 3 punti all’esordio.

FOLGORE CARATESE – ARCONATESE 2 – 0

MARCATORI: 35’ s.t. Vingiano, 50’ s.t. Dejori (Aut.)

FOLGORE CARATESE (4-3-3): Rainero; Picone Chiodo (15’ s.t. De Santis), Tos, Monticone; Bonanni (30’ s.t. Marconi), Vingiano, Burato, Bianco (25’ s.t. Corioni); Carbonaro, Castellani (25’ s.t. Ciko), Moretti. A Disposizione: Varesio, Sirigu, Drovetti, Moreo, Antonucci. All. Siciliano

ARCONATESE (4-3-3): Savini; D’Astoli, Bianchi, Dejori; Bonfanti (33’ s.t. Guarda), Panzetta, Balacchi (45’ s.t. Cataldi), Tomat (43’ s.t. Finato); Lagiz, Doria (32’ s.t. Giardino); Vettraino (40’ s.t. Laraia). A Disposizione: Guerci, Guarda S., Novello, Costa. All. Livieri

ARBITRO: Faraon di Conegliano. Assistenti: Mazzeo, Simonini.

AMMONITI: Vettraino (A), Doria (A), Corioni (F), Rainero (F)

Commenti

comments

- Pubblicità -